4 – Cambio di paradigma

Ciascuno di noi è portato a pensare di vedere le cose così come sono, di essere perfettamente obiettivo, invece la verità è un’altra: noi vediamo il mondo non com’è in realtà, ma secondo la nostra soggettiva visione. Quando raccontiamo quello che vediamo, non facciamo altro che descrivere noi stessi, le nostre percezioni, i nostri paradigmi; e qualora gli altri non siano d’accordo con noi, immediatamente pensiamo che in loro ci sia qualcosa che non vada.

Persone assolutamente sincere e analitiche vedono le stesse cose in maniera diversa, ciascuna guardando attraverso le lenti uniche della propria esperienza.

Paradigma, dunque, sta appunto a indicare un modello, una teoria, un modo di percepire, un sistema di riferimento, in questo caso, del tutto personale. Sarebbe quindi il nostro modo di “vedere” il mondo, non soltanto in termini di percezione sensoriale, ma anche e soprattutto in termini di concezione, comprensione e interpretazione di esso.

Da quasi due anni, in momenti diversi e la dove ne ho avuto la possibilità, vado ripetendo una cosa semplice e nota a tutti: “Siamo entrati in una nuova economia. Il mondo è cambiato. Adesso dobbiamo cambiare anche noi, altrimenti saremo estromessi dal mercato”.

E ancora quando, in alcuni articoli precedenti, ho insistito sulla frase “Ma io cosa posso fare?”; cos’è, se non un salto di paradigma? Cioè, il superamento del “modello delegante” che ci vuole deresponsabilizzati e dipendenti da altri, a un “sistema protagonista” che ci vede liberi attori dei nostri destini. In altre parole, bisogna passare dal paradigma della dipendenza legata al Tu (o al voi): Tu ti prendi cura di me, tu non hai agito, tu sei l’artefice dei risultati; al paradigma dell’indipendenza e della responsabilità legata al Io : Io posso scegliere, io posso farlo, io sono responsabile e padrone di me stesso, io sono l’artefice dei miei risultati.

Vorrei chiudere questo mio articolo con una piccola storia marinara la cui eloquente metafora sarà senz’altro un efficace invito alla riflessione, per tutti.

Una nave da guerra pattugliava un settore particolarmente pericoloso del mediterraneo. C’era tensione nell’aria. La visibilità era scarsa, con banchi di nebbia; così il capitano era rimasto sul ponte a sorvegliare le varie attività dell’equipaggio.

Poco dopo l’imbrunire, l’uomo di vetta sul ponte annunciò:

“Luce a tribordo!”.

“E’ ferma o si allontana?”, gridò il capitano.

“E’ ferma, capitano”, rispose la vetta.

Questo significava che la loro nave da guerra era in pericolosa rotta di collisione con l’altra.

Il capitano ordinò al segnalatore: “Segnala a quella nave che siamo in rotta di collisione e vi consiglio di correggere la rotta di 20 gradi”.

Giunse di rimando questa segnalazione: “E’ consigliabile che siate voi a correggere la rotta di 20 gradi”.

Il capitano disse: “Trasmetti: io sono un capitano, correggete voi la rotta di 20 gradi”.

“Io sono un marinaio di seconda classe – fu la risposta – fareste meglio a correggerla voi la rotta, di 20 gradi”.

Adesso il capitano era furente. “Trasmetti – abbaiò -: sono una nave da guerra, perciò correggete la vostra rotta di 20 gradi”.

La risposta fu semplice: “Io sono un faro”.

La nave da guerra cambiò rotta.

Tratto dal libro “La cassetta degli Attrezzi” di Giovanni Matera.

Puoi acquistarlo > www.giovannimatera.it

Giovanni Matera è nato a Laterza, nel 1955, dove dirige la Matera Arredamenti, della quale è proprietario. Sposato, con tre figli, è nonno di una splendida nipotina; è un fervido atleta di podismo amatoriale. È impegnato su vari fronti: nel sociale-culturale e nella promozione del territorio ionico. Scrive, di ricerca e formazione aziendale e umana, su diversi giornali locali e testate giornalistiche on line.

Cosa ne pensi?